Un saluto a tutti e ben ritrovati,

da alcuni giorni come ben sapete il nostro monitoraggio si è fatto ancora più approfondito del solito. Del resto la situazione lo richiede. Ci eravamo lasciati ieri sera con un cambio circolatorio atteso e confermato nella giornata odierna. L’ ingresso di correnti più miti si è fatto sentire oggi negli strati atmosferici superiori. Prendendo ad esempio i dati delle centraline posizionate in alta collina/bassa montagna osserviamo ad esempio che ad Abbadia San Salvatore, a 900 metri sul livello del mare, la temperatura è risalita oggi fino a 7°C, ben 6°C in più di ieri. In questo momento Abbadia segna +3.5°C, ben 8° in più di ieri a quest’ ora.
A Gerfalco, a 740 metri sul livello del mare, la colonnina di mercurio si fermò ieri a 2.5°C nonostante il cielo sereno mentre oggi si sono raggiunti i 9°C. In vetta all’ Amiata si sono superati gli 0°C dopo una settimana di gelo.

L’ aumento delle temperature si è fatto sentire molto meno nei bassi strati, dove l’ aria fredda affluita dai Balcani nei giorni scorsi, tende a “ristagnare” di più. E’ stata infatti una giornata pur sempre fredda e un po’ più umida rispetto alle precedenti.

Una coltre di nubi, che prende origine dal flusso umido e più mite attivo da stanotte, ha coperto, in alcune zone solo parzialmente, la Toscana centro-meridionale. Non è piovuto almeno fino ad adesso e poco è atteso fino alle prime ore di domani(al massimo qualche pioviggine).

Cosa succederà domani, venerdì 13 gennaio 2017

 

 

Veniamo al dunque perchè quella di domani sarà davvero una giornata interessante e dinamica a livello di circolazione atmosferica. Una di quelle giornate che il meteorologo apprezza di più per le forti variazioni di pressione attese e per il netto ricambio di massa d’aria previsto.
Al mattino avremo un cielo nuvoloso o molto nuvoloso. Il transito del fronte perturbato porterà piogge più diffuse in mattinata con temperature in lieve aumento nelle primissime ore della giornata e piuttosto miti per buona parte della mattinata. Già dalla tarda mattinata/primo pomeriggio tuttavia l’ aria fredda in arrivo dalla Groenlandia si tufferà in mare dall Provenza alimentando l’ instabilità sulla Toscana. Per tutto il pomeriggio nuclei instabili potranno formarsi nell’ entroterra regionale raggiungendo anche il senese dove a macchia di leopardo saranno possibili rovesci nevosi sino a quote medio basso collinari(300-400 metri di quota). Nella finestra temporale che va da metà al tardo pomeriggio potranno verificarsi quindi rovesci sparsi nevosi più probabili sulle Colline Metallifere, in Valdelsa, nel Chianti ma possibili anche nella zona di Siena.
L’ aria artica mostra valori di temperatura di tutto rispetto sulla parte più alta della colonna atmosferica(-36° a 5500 metri di altitudine, – 17° a 2800 metri, -4° a 1300 metri). Sono temperature in libera atmosfera che permettono specie in caso di precipitazioni a carattere di rovescio, nevicate fino a quote basse.
Venti di libeccio piuttosto intensi soffieranno per gran parte della giornata intensificandosi tra tarda mattinata e primo pomeriggio.

MAPPA 13 GENNAIO 2017
Situazione prevista per domani, venerdì 13 gennaio nel pomeriggio

Tra tardo pomeriggio e fine serata i nuclei dovrebbero tendere a privilegiare le aree meridionali della Toscana, colline della Maremma interna, Monte Amiata e qualche rovescio residuo su Colline Metallifere. La neve anche in questo caso cadrebbe sino a quote molto basse(2-300 metri sul livello del mare).

Le precipitazioni a carattere di rovescio, nel caso dovessero verificarsi, risulteranno di durata piuttosto effimera. Non escludiamo che localmente possa verificarsi qualche accumulo di neve al suolo(fino a pochi cm), più probabile sopra i 400 metri di quota. I rovesci potranno infatti risultare intensi da riuscire a creare accumuli in rapido tempo ma escludiamo quasi categoricamente episodi di neve abbondante, vista la durata effimera di questi fenomeni.

A causa di tutto questo, la regione Toscana ha emanato un’ allerta meteo di codice giallo per vento forte e neve proprio per domani, venerdì 13 gennaio.

La domanda che vi farete è “ok ragazzi, ma insomma, ci volete dire se fioccherà su Siena/Poggibonsi/Colle Val d’ Elsa, Montepulciano, Chianti ecc? C’ avete detto tutto e niente così!”
L’ unica risposta che possiamo darvi è che nessuno può dirvi con certezza se nevicherà qui o là, ma neanche potrà darvi con una buona dose di attendibilità la localizzazione esatta di dove si verificheranno eventuali fenomeni a carattere di rovescio nevoso. Noi vi diciamo semplicemente che per alcune ore(3-4  non di più) verranno a crearsi le condizioni sufficienti all’ innesco di questi nuclei nuvolosi sulla Toscana centro-meridionale e che in virtù di un’ analisi della colonna d’ aria prevista la neve potrà eventualmente cadere fino a bassa quota.

N.B: le icone meteo sono solo uno strumento attraverso il quale sintetizzare la situazione prevista per venerdì 13 gennaio nel pomeriggio. Essendo questa situazione assai variabile, le due icone stanno a significare che in un contesto per l’ appunto di variabilità, nel corso delle ore pomeridiane potremmo avere un cielo poco o parzialmente nuvoloso(con schiarite anche ampie a tratti) alternato a momenti di cielo nuvoloso o molto nuvoloso con possibili precipitazioni(in questo caso neve a quote basse).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here