Nell’immaginario collettivo il Natale è sinonimo di neve, gelo e paesaggi imbiancati, sappiamo però che quest’immagine non corrisponde alla realtà, e spesso negli ultimi anni questa giornata è trascorsa con il clima mite. Nel passato non sempre è stato così e alcune volte la neve ha imbiancato le nostre città proprio il 25 Dicembre regalando a questa festa la bellezza e la magia che la “dama bianca” sa regalare con la sua presenza.

E’ il caso della nevicata natalizia del 1464 a Siena. Sono trascorsi 552 anni da quel giorno e ovviamente le informazioni sono piuttosto scarse ma senz’altro si trattò di una nevicata importante, con accumuli veramente notevoli.
Le cronache dell’epoca, estratte dai Diari Sanesi dell’ Allegretti(giudicato il miglior diario quattrocentesco senese da Alessandro Lisini, archivista e storico senese) parlano di circa due braccia di neve(equivalente a 1 metro).

 

Le righe del Diario dell' Allegretti, tratte dall' Annuario dell' i. e R. Museo di Fisica e Storia Naturale di Firenze. 1860
Le righe del Diario dell’ Allegretti, tratte dall’ Annuario dell’ I. e R. Museo di Fisica e Storia Naturale di Firenze. 1860

La nevicata fu persistente durante tutta la giornata, e anche forte, molti tetti crollarono per il peso della neve, in particolare le cronache dell’ epoca parlano del crollo del tetto del tiratore di San Lorenzo, i cittadini senesi dovettero togliere l’enorme quantità di neve dai tetti perché non crollassero,e la città rimase paralizzata dalla grande quantità di neve caduta, fu uno dei primi episodi nevosi dell’inverno 1464/1465 a Siena, tanto che le cronache dell’epoca raccontano che la neve rimase al suolo fino al 26 Marzo.
Era il periodo della Piccola Era Glaciale, terminata a metà dell’800. Epoca nella quale a qualche inverno mite si alternavano stagioni molto rigide. La neve di Natale (o nei giorni prossimi ad esso) non era solo quella che appare nelle pubblicità e che fa parte dell’ immaginario collettivo di questo periodo ma un fenomeno abbastanza frequente che trasformava le festività del Natale in quell’immagine da cartolina che ben tutti conosciamo.
La Piccola Era Glaciale fu caratterizzata da una notevole espansione dei ghiacciai alpini e molto frequenti erano le fiere sul ghiaccio nelle città dell’ Europa settentrionale nel periodo invernale. Una cosa impensabile al giorno d’oggi.

Articolo a cura di Fausto Pagnini con parziali riadattamenti a cura di Meteo Siena 24

– Fonti –
1. Annuario dell’ Imperiale e Reale Museo di Fisica e Storia Naturale di Firenze. 1856-1860
2. Diari Sanesi 1450- 1496 di Allegretto Allegretti.

 

Foto di copertina tratta da turismo.intoscana.it, foto di ghiandol-Flickr

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here