Fig.1. Mappa temperature a 850hpa. Fonte wetterzentrale.de

Ottobre si dimostra anche quest’ anno un mese movimentato dal punto di vista meteorologico. Lo è da sempre storicamente. Mese di forti contrasti, mese di temporali e di perturbazioni atlantiche, periodo di freddi precoci e ondate di caldo tardive, le famose “ OTTOBRATE “.

Nelle prossime 36/48 ore faremo i conti con la risalita di masse d’aria decisamente calde per il periodo in essere. Una saccatura atlantica sprofonderà fin verso le Canarie, richiamando al contempo aria calda sul suo lato ascendente che dal Marocco risale verso la Spagna, il Mediterraneo occidentale, la Francia, arrivando fino alle propaggini meridionali della Scandinavia (fig.1).

Fig.1. Mappa temperature a 850hpa. Fonte wetterzentrale.de
Fig.1. Mappa temperature a 850hpa. Fonte wetterzentrale.de

In tutto questo il Mediterraneo centrale e quindi l’ Italia, si ritroverà proprio al di sotto della bolla più calda. Alla quota di riferimento di 850hpa(1560 metri sul livello del mare), le temperature potrebbero raggiungere valori compresi tra i 18 e i 20° sulla bassa Toscana.  Valori di temperatura che risulterebbero superiori alla norma di luglio/agosto e che superano la media di fine ottobre di più di 10°C.

 

La durata di questa ondata di calore fuori stagione sarà piuttosto effimera. Il picco di calore è atteso per le ore centrali di domani, martedì 25 ottobre 2016, quando si potrebbero raggiungere i valori sopraelencati. Già mercoledì 26 ottobre, infiltrazioni di aria più fresca dal nord Europa, limeranno queste anomalie di diversi gradi, riportando forse anche un po’ di instabilità atmosferica dovuto all’ improvviso cambio d’ aria, anche se le temperature rimarranno al di sopra delle medie del periodo probabilmente per tutta la settimana .

Difficile resta capire a livello microclimatico che temperature si toccheranno. La presenza di nuvolosità nei medi e bassi strati atmosferici potrebbero inibire un po’ l’ aumento della temperatura come sta già accadendo in parte oggi. Domani il cielo si presenterà ancora grigio ricoperto da una coltre nuvolosa più o meno sottile. Eventuali schiarite nelle ore centrali della giornata potrebbero favorire un rialzo di temperature più importante con picchi di 24/25°C su Siena e dintorni. Se il sole dovesse rimanere oscurato dalla nuvolosità probabilmente non si supereranno i 22/23°C.. In quest’ottica sarà molto interessante valutare se verrà registrata una temperatura massima record per la 3° decade del mese. Da dati del SIR ( servizio idrologico regionale ) risulta una massima in terza decade di +25,2°C del 27 Ottobre 1999. Vedremo domani se questo record verrà battuto oppure vivremo una giornata calda ma non storica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here