Due perturbazioni atlantiche potrebbero portare tempo instabile per altri 7-10 giorni sulla Toscana

Il caldo, a tratti afoso, delle ultime 48 ore sembrava quasi alludere ad un ingresso prorompente della stagione estiva. Invece, questa lunga primavera instabile non ha ancora esaurito gli ultimi colpi a disposizione.
In queste ore  presente sulle regioni settentrionali. Questo rimescolamento diventa tangibile dando uno sguardo agli scatti da satellite. Celle temporalesche hanno preso vita, stamani, sull’arco alpino e prealpino centrale  e orientale, crescendo e diventando poi piuttosto imponenti con acquazzoni violenti associati anche a grandine.

La perturbazione(1) che ci interesserà nelle prossime 48 ore e la perturbazione(2) che tra domenica e lunedì riporterà condizioni di instabilità dopo il parziale ed effimero miglioramento atteso nel weekend

L’energia sufficiente a dar vita a temporali di forte intensità sembra presente in notevoli quantità anche sulla pianura veneta e sull’Appennino ligure; è un pomeriggio fortemente instabile su molte aree del settentrione
In Toscana lo sviluppo di nubi cumuliformi si è manifestato già al mattino sulla fascia del primo entroterra con qualche rovescio tra Apuane e sulle colline della Maremma. Nel primo pomeriggio infine, qualche forte acquazzone anche nei dintorni di Siena(a est della città) e altri sistemi temporaleschi altrettanto intensi tra Aretino e Valdichiana senese.

Forte instabilità attesa nella giornata di mercoledì 13 giugno. Probabile replica giovedì

E’ mercoledì, tuttavia, che ci attendiamo precipitazioni più intense, diffuse e durature. Il rimescolamento d’aria si farà infatti più incisivo sulla Toscana e l’instabilità aumenterà in maniera esponenziale. La possibilità di temporali e acquazzoni diffusi sull’entroterra della provincia di Grosseto e su tutta la provincia di Siena sarà elevata già al mattino e la situazione non cambierà nel pomeriggio. Di seguito, la mappa MeteoSiena24 del modello AROME che mostra le precipitazioni previste fino alle 18 di domani

Precipitazioni previste in 24 ore fino alle 18 di domani, mercoledì 13 giugno

Le mappe del vento e degli indici temporaleschi supportano questa tesi evidenziano la possibilità di raffiche superiori ai 50-60 km/h. Possibili anche episodi di grandine. In serata sulla nostra pagina facebook aggiorneremo la situazione con gli ultimissimi aggiornamenti e domani saremo attivi per gran parte della giornata con il nowcasting, tenendovi informati in maniera costante. Ricordiamo che la regione ha emanato un’allerta gialla.

 

Nuova perturbazione in arrivo tra domenica sera e lunedì prossimi? Migliora forse dal Solstizio

 

Perturbazione (2) che potrebbe arrivare tra domenica e lunedì.

Giovedì 14 ancora una giornata con probabilità moderata o elevata di temporali poi lento e solo parziale miglioramento tra venerdì 15 e sabato 16 giugno(qualche acquazzone sarà sempre probabile, ma solo nelle zone interne). Tra domenica e lunedì un’altra perturbazione potrebbe farsi strada dalla Francia andando nuovamente ad alimentare l’instabilità atmosferica. La Primavera atmosferica volge al termine e proprio con il Solstizio potrebbe iniziare una fase estiva un po’ più duratura. L’attendibilità previsionale oltre i 10 giorni è tuttavia molto bassa e non possiamo aggiungere ulteriori informazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here